Home » * BIJOUX VINTAGE NOVITA' » COLLANE - NECKLACES » CN231 - PENDENTE "HANGING LAMB" LISNER ANNI '60

COLLANE - NECKLACES

CN231 - PENDENTE "HANGING LAMB" LISNER ANNI '60

CN231 - PENDENTE "HANGING LAMB" LISNER ANNI '60 - LE COLLEZIONI  DI CAMPANIA30

Me ne sono innamorato subito appena l'ho visto! Questo delizioso pendente raffigura una pecora appesa ed èm stato realizzato in metallo dorato da Lisner negli anni '60 circa. In ottime condizioni il pendente misura 6x5 cm e la catena è lunga 50 cm regolabile con gancetto. Firmata.

*PER INFORMAZIONI SU PREZZO E DISPONIBILITA', SCRIVERE INDICANDO IL NUMERO SUL TITOLO A campania30@alice.it *

IL SIGNIFICATO DEL SIMBOLO DELLA "PECORA APPESA": 

 Il primo uso conosciuto del simbolo della "pecora sospesa" fu nel 1430 quando Filippo III Duca di Borgogna fondò l'ordine del Toson d'oro. A quel tempo l'ordine  fu oggetto di contenzioso perché Filippo III di Borgogna scelse di identificarsi con il mito di Giasone e gli Argonauti, spedizione finalizzata a  recuperare il vello d'oro, nonostante l'identificazione anche come un ordine cristiano. Nel corso del tempo questo simbolo del "vello d'oro" ha assunto molte forme mentre l'ordine cresceva in un numero sempre maggiore di paesi e regni. I mercanti europei iniziarono a usare il simbolo sul lato delle loro barche per identificarsi come commercianti di lana. E’ stato così finché alla metà del 19 ° secolo Brooks Brothers riuscì a impadronirsene al fine di ravvivare il loro semplice logo testuale e nel corso del tempo, questo simbolo, una volta europeo, cominciò a filtrare nella coscienza americana come il logo Brooks Brothers, nonostante il fatto che l'ordine del Toson d'oro esista ancora oggi e di fatto include membri di rilievo come Nicolas Sarkozy. Se mostri a qualcuno il simbolo della "pecora sospesa" e chiedi a che cosa l'associano, è molto probabile che ti rispondano: è il logo di "Brooks Brothers" - che è certamente lo stesso. Tuttavia, se ti trovi a giocare al Trivial Pursuit, e ti viene chiesto chi lo ha usato per primo, lo saprai ... e Filippo III Duca di Borgogna così non si rigirerà nella sua tomba.